Preoccupazioni meteo e investimenti per i bacini idrici di Arzignano e dintorni

ll maltempo preoccupa la concia veneta. In seguito alle forti raffiche di vento e ai nubifragi che hanno colpito la regione, il Centro Funzionale Decentrato ha dichiarato lo stato di attenzione “per possibili situazioni di criticità idraulica e idrogeologica” nei bacini dell’Alto e Basso Brenta e Fratta Gorzone, località nei pressi delle quali sorgono la maggior parte delle aziende del distretto della concia di Arzignano. Ieri, intanto, la giunta regionale ha dato il via libera a due nuovi progetti per la difesa idraulica con un investimento complessivo di 60 milioni di euro. Il primo, da 51 milioni, riguarda l’ampliamento del bacino di laminazione di Montebello con la realizzazione di un invaso di circa tre milioni di metri cubi per le piene del torrente Chiampo, che attraversa i comuni di Montorso Vicentino, Zermeghedo e Montebello Vicentino. Il secondo progetto prevede la realizzazione di un invaso sul torrente Orolo nei comuni di Costabissara e Isola Vicentina. (art)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati