USA, retail in cerca di ossigeno e futuro, tra crisi e grandi interrogativi. Se fosse Amazon a comprare Macy’s?

Retail in cerca di una destinazione e di un futuro. È quello USA, alle prese con una vera e propria rivoluzione, sotto vari punti di vista. Se Nordstrom è “l’insegna del momento” causa polemica con la famiglia Trump, Macy’s fa notizia per differenti, e ben più preoccupanti, ragioni. La più grande catena di grandi magazzini degli Stati Uniti, infatti, è in attesa di essere rilevata e la stampa specializzata è a caccia del compratore. Tra i più gettonati, con trattative in corso, c’è il gruppo canadese di Hudson’s Bay che controlla anche Saks Fifth Avenue e Lord & Taylor. Ma l’ipotesi più affascinante l’ha lanciata Oliver Chen, analista della società di servizi finanziari Cowen&Company, secondo il quale l’acquirente perfetto sarebbe Amazon, per una sinergia “rivoluzionaria” che soddisferebbe le esigenze di entrambe le società, non solo per il rapporto offline e online (gli store Macy’s diventerebbero punti di raccolta per i resi, aspetto critico dell’e-commerce), ma anche a livello di assortimento di brand e di clientela. Nel frattempo il mall, con vendite novembre e dicembre a -2% rispetto al 2015, si appresta a chiudere 68 dei suoi 730 negozi e a tagliare oltre 10.000 posti di lavoro. Tra gli analisti c’è chi non crede all’acquisto dei canadesi visto che anche l’ultimo esercizio di Hudson’s Bay si è chiuso al di sotto delle attese. Altro caso: Eastern Outfitters, società madre di Eastern Mountain Sports (40 negozi) e Bob’s Stores (30 insegne), ha presentato istanza per accedere al Chapter 11, la versione statunitense dell’amministrazione controllata. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati