Alta Scuola alle aziende: stop agli omaggi natalizi, investite in formazione


Investire in corsi di formazione per giovani talenti le risorse destinate ai soliti omaggi natalizi. La proposta arriva dall’Alta Scuola di Pelletteria italiana (nella foto), che ha sede a Scandicci (Fi) e conta tra i soci Consorzio Centopercento Italiano, Celine, Gucci e Prada. Gucci, a cui appartiene il presidente della Scuola, Karl-Heinz Hofer, ha già risposto con dieci sottoscrizioni.
L’idea è quella di destinare al sostegno della formazione dei giovani, ovvero all’apprendimento e alla trasmissione di quella che viene considerata la maggior ricchezza del comparto, le risorse solitamente riservate agli omaggi natalizi.
“A Natale” dice Hofer, “risolvi il problema dei regali aziendali scegliendo un dono davvero speciale, che parli di te e della tua azienda. Scommetti sui nuovi talenti e sul futuro della pelletteria di lusso. E sponsorizza le borse di studio che permetteranno a tanti ragazzi e ragazze di acquisire le competenze adeguate per entrare da protagonisti nel mercato del lavoro”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×