E se (anche) Braccialini parlasse arabo? Arriva un’offerta dagli Emirati: 8 milioni per comprare il brand, 12 per rilanciarlo

Dopo la smentita di Giglio Group, che ha dichiarato di non aver mai presentato un’offerta per partecipare all’asta per l’acquisto del brand, continuano le operazioni in vista dell’asta di vendita di Braccialini, in agenda venerdì 24 febbraio alle 12. È uscito allo scoperto un investitore arabo che ha avanzato una proposta tramite la società bolognese Consulting3 (Cube). Andrea Rastelli, che fa parte di Consulting3 (Cube), ha spiegato in un’intervista a Repubblica che prevede un investimento di 20 milioni di euro, dei quali 8 sono destinati all’acquisto e 12 al piano triennale di investimento. L’offerta vincolante prevede l’assunzione immediata di 52 dipendenti, altri 18 entro il 31 dicembre di quest’anno, ulteriori 10 entro il 31 dicembre 2018. Per ora c’è solo un’altra offerta vincolante, quella di Graziella Holding, ma non è escluso che vengano presentate altre proposte prima della scadenza. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati