Braccialini, gli esuberi scendono a 29

Sono stati ridotti a 29 gli esuberi, con annesso contratto annuale di solidarietà, richiesti da Braccialini, azienda pellettiera di Scandicci che aveva annunciato inizialmente la volontà di avviare una procedura di mobilità per 77 dipendenti. In base a un accordo firmato presso la Direzione Lavoro della Provincia di Firenze, sarà disponibile un sostegno immediato al reddito dei lavoratori, permettendo all’azienda di affrontare il predurante periodo di crisi. Il nuovo contratto entrerà in vigore dal 21 gennaio, ma entro novembre 2013 è previsto un nuovo incontro delle parti per valutare l’eventuale proseguo della solidarietà o l’accesso ad altri ammortizzatori sociali. Le parti si sono inoltre impegnate ”ad individuare le risorse economiche necessarie per attivare percorsi formativi volti alla riqualificazione ed eventuale ricollocazione dei dipendenti “. Riccardo Braccialini, amministratore delegato della società, commenta: “Oltre a tutelare al meglio i nostri lavoratori, porteremo a termine una riorganizzazione interna completa ed efficiente che determinerà ulteriore sviluppo ed investimenti per rispettare gli importanti obiettivi che ci siamo dati”. La riorganizzazione dell’organico è una conseguenza della decisione di Braccialini di esternalizzazione la logistica, affidandola a una società esterna.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati