Céline (LVMH) raddoppia la pelletteria in Toscana. Nuova sede produttiva nel Senese. 100 operai (da formare) cercasi

La notizia fa rumore e, allo stesso tempo, fa riflettere sulle dinamiche “particolari” del rallentamento del lusso di cui si è tanto parlato e di cui si discute anche oggi, soprattutto alla luce dei dati di bilancio (positivi, spesso “molto positivi”) diffusi dalle più importanti multinazionali/griffe del settore. La notizia arriva da Radda in Chianti, provincia di Siena, Toscana. Qui la griffe francese Céline, proprietà LVMH, sta per inaugurare un nuovo polo produttivo specializzato in accessori di pelletteria. A comunicarlo è stato il sindaco di Radda, Pier Paolo Mugnaini, durante l’ultimo Consiglio comunale. Il gruppo francese avrebbe, infatti, acquisito l’immobile dell’ex mobilificio Laca, che produceva cucine componibili, in località Villa di Radda. Per Céline Production si tratta di un raddoppio. La Griffe possiede già una fabbrica di pelletteria tra le colline del Chianti, nel comune di Greve, ma pare abbia particolare fretta di avviare la seconda fabbrica a Radda. La selezione del personale, infatti, è già partita. Céline cerca (attraverso l’agenzia Adecco di Poggibonsi) 100 operai. I candidati devono essere diplomati, avere esperienza in ambito produttivo (quella nel settore pelletteria è, ovviamente, titolo preferenziale) e abilità manuali. È, comunque, previsto un corso di formazione professionale di sei settimane propedeutico all’assunzione. (mvg)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati