Fenomeno Michael Kors, +76% gli utili 2013

Michael Kors a Wall Street era già cresciuto del 59% nel 2013, ma ieri il titolo ha toccato un nuovo massimo storico a seguito dei clamorosi dati di bilancio 2013 comunicati dalla società. I profitti sono balzati del 76.6% (229,6 milioni) e del 59% i ricavi, che hanno superato il miliardo, grazie anche al saldo attivo generato dalla cessione delle licenze. Le vendite nordamericane (epicentro del fatturato) sono in crescita del 24% e del 73% quelle in Europa. I numeri hanno sorpreso le stesse agenzie finanziarie, che si attendevano ricavi inferiori agli 860 milioni. La reazione degli analisti è apparsa cauta se non fredda: “La forza di Kors si è manifestata in ogni collezione, ogni area geografica e ogni segmento – conclude la sua relazione Paul Lejez (Wells Fargo) – ma crediamo che dati così impressionanti generino paragoni inadeguati e siamo in attesa di rallentamenti inevitabili”. Gli fa eco Randal J. Konik, analista di Jefferies, che ha addirittura abbassato il rating delle azioni, da buy a hold, sostenendo che “siamo in presenza di una crescita troppo rapida. Il brand continua ad erodere terreno a Coach, ma sta raggiungendo il punto di saturazione e i prodotti hanno raggiunto l’ubiquità, fattore che, la stessa Coach insegna, preannuncia risultati molto inferiori”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati