Negozi, mercato, Borsa: My Choice Bags “spinge al massimo sull’acceleratore” della crescita

Riconoscibilità del marchio, penetrazione nel mercato grazie all’espansione del retail, innovazione: l’obiettivo è crescere, con la quotazione in Borsa nel mirino. My Choice Bags, gruppo campano della pelletteria, ha definito il proprio piano industriale per il prossimo triennio. A oggi la società, guidata dai fratelli Mariano e Francesco di Lillo (terza generazione) viene da un periodo di crescita al tasso di 25% annuo, genera l’85% del fatturato all’estero e ha complessivamente 250 addetti tra i diretti e l’indotto. Ora l’intenzione, spiega Mariano di Lillo a Panorama, è fare meglio: “L’obiettivo è di spingere moltissimo sull’acceleratore. Abbiamo ancora molti margini di sviluppo”. Come? Capitolo primo: Razionalizzazione dei marchi. “Dai cinque attuali vorremmo arrivare ad averne uno, molto riconoscibile”. Capitolo secondo: retail. Per Di Lillo l’intenzione è “penetrare nel mercato italiano attraverso una rete di punti vendita monomarca. Partiremo dall’Italia per allargarci poi all’estero, con l’obiettivo ambizioso di aprire 100 punti vendita in tre anni”. Capitolo terzo: la finanza. “Stiamo lavorando per quotarci sul mercato secondario e avere così più strumenti per finanziare la crescita. Al momento non abbiamo i requisiti richiesti, l’obiettivo è quello di arrivare al programma Elite di Borsa Italiana”. Il tutto senza, però, che My Choice perda la sua natura. “Il numero delle borse prodotte fa di noi una realtà artigianale per la cura dei dettagli declinata a livello industriale – conclude di Lillo –. Siamo molto concentrati su ricerca e sviluppo per mantenere qualità e assecondare velocità richiesta dal mercato”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati