Nove mesi di crescita per Piquadro e un e-commerce che vola: +37,6%. Soffre solo il wholesale, bene la Russia

C’è un dato da sottolineare, nel bilancio dei primi nove mesi fiscali di Piquadro (chiusi il 31 dicembre), la società di pelletteria che di recente ha acquisito (e salvato) TheBridge. È il +37,6% delle vendite online che permettono al brand emiliano di preoccuparsi fino a un certo punto del calo del canale wholesale (-3,5%). Con queste premesse, il fatturato è arrivato a quota 51,2 milioni di euro, crescendo del 2,8% rispetto allo stesso periodo di riferimento dell’anno precedente. Sul fronte wholesale, se la fatica del mercato italiano è stata palese (-7,4%), molto rassicurante è stata la performance russa, con un +68,7% quasi inatteso ma che, dice il presidente Marco Palmieri, “rappresenta un segnale importante, sulla base del quale definire le future strategie di marketing, distribuzione e prodotto”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati