Pelletteria cinese sotto sequestro nel Veneziano

Un laboratorio cinese di pelletteria è stato posto sotto sequestro. Teatro dell’operazione questa volta è stata la località Meolo, in provincia di Venezia, dove i Carabinieri, coadiuvati dal nucleo ispettorato del lavoro, sono entrati in azione dopo un normale controllo. Dei 3 operai con regolare permesso di soggiorno, 2 sono risultati senza contratto, motivo per cui alla titolare è stata contestata una sanzione amministrativa di 1.950 euro con la sospensione immediata dell’attività. Sono inoltre state riscontrate carenze igienico-sanitarie, l’assenza delle uscite di sicurezza, la mancanza di un adeguato sistema di ricambio dell’aria, la presenza di linee elettriche non protette e segnalate e, infine, l’assenza di riscaldamento. Per queste ragioni il pubblico ministero di turno ha disposto il sequestro preventivo dello stabile con la contestuale denuncia della titolare. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati