Piquadro: più fatturato, meno utili

Piquadro ha chiuso il secondo trimestre 2013 con un aumento del fatturato dell’8,5%, pari a 12,3 milioni di euro, ma vede diminuire del 20% gli utili, fermi a 709 mila euro. I dati dell’azienda bolognese di pelletteria sono stati diffusi ieri sera, a mercati chiusi. Al 30 giugno 2013 la posizione finanziaria netta risulta negativa e pari a 11,05 milioni di euro, in incremento di 2,57 milioni di euro rispetto al 31 marzo 2013, e di 3,02 milioni di euro rispetto al 30 giugno 2012, in ragione soprattutto delle dinamiche di crescita del capitale circolante netto di circa 2,4 milioni di euro, per lo più dovuti all’aumento delle rimanenze. Buoni risultati dai negozi a gestione diretta, che presentano tassi positivi anche in Italia. Tra gli obiettivi del gruppo presieduto da Marco Palmieri, l’aumento della visibilità e della conoscenza del brand a livello internazionale, sostenuta dall’apertura di boutique monomarca nelle grandi città turistiche: sono state recentemente inaugurati i punti vendita di Parigi, Venezia, Firenze e Forte dei Marmi, nei mesi prossimi apriranno Pechino e Torino.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati