Pisa, maxi operazione contro i falsi: sequestrato anche un deposito a Santa Croce sull’Arno

Una maxi operazione della Guardia di Finanza di Pisa ha portato all’arresto di 5 cittadini cinesi (2 in carcere e 3 ai domiciliari) con l’accusa di associazione a delinquere finalizzata alla contraffazione di articoli di pelletteria delle principali case di moda. La banda criminale si serviva di cittadini senegalesi residenti a Pisa per vendere la merce contraffatta su larga scala. La produzione dei falsi riguardava marchi come Armani, Gucci, Louis Vuitton, Nike, Fendi, Burberry’s, D&G, Hogan, Prada e Adidas. La complessa indagine è stata portata avanti per due anni dal Nucleo di Polizia Tributaria di Pisa tra le province di Firenze, Pisa e Livorno, con i malviventi che si spostavano continuamente da un laboratorio all’altro. Sono stati individuati due laboratori clandestini a Firenze e Vinci (Fi), 4 depositi di stoccaggio a Firenze, Empoli, Santa Croce sull’Arno e Bologna che acquistavano le materie prime direttamente dalla Cina. Sotto sequestro 137 macchinari industriali per la lavorazione dei prodotti, oltre 40mila calzature, 41mila borse, quasi 22mila portafogli, 3.257 cinture, 37 rotoli di pelle e stoffa, 21mila metri di tessuto, 96 gropponi di cuoio, 30 flaconi di tintura per pelli e 200mila fibbie e accessori metallici. Oltre 56 i venditori ambulanti sono stati scoperti mentre si rifornivano di prodotti contraffatti per poi rivenderli sulle piazze di Firenze, Pisa, Prato, Bologna, Parma e Milano. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati