Scoperta a Modena una (falsa) pelletteria clone di Furla

Non si ferma nemmeno alla mezzanotte del 31 dicembre l’attività anticontraffazione nel territorio modenese. La polizia ha fatto irruzione, mentre la città festeggiava il nuovo anno, in un capannone della zona industriale di Modena Nord e trovava una squadra di operai cinesi intenti a produrre borse e accessori contraffatti a marchio Furla. Sei denunciati tra i lavoratori, tutti residenti a Modena e con regolare permesso di soggiorno. Il laboratorio era stato creato dentro uno spazio ancora intestato a una nota azienda di condizionatori, da tempo trasferita. Sequestrate dalla polizia cinquanta borse. Nello spazio dormitorio sono stati individuati 17 posti letto, tanti quanto gli operai attivi nella pelletteria. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati