Germania, consumi solidi


La stabilità del mercato del lavoro e i tassi di interesse al minimo storico sono i fattori che più contribuiscono, anche nel mese di ottobre, ad un ottimo clima dei consumi in Germania.
In base all’ultimo sondaggio, pubblicato stamani dal GsK, il “konsumklima-Index” è salito da 6 a 6,1 punti, il valore più alto mai raggiunto negli ultimi 5 anni. Secondo gli analisti, per il mese di novembre è ragionevoli attendersi un ulteriore aumento, a 6,3%.
Il clima dei consumi in Germania migliora così per la seconda volta consecutiva. Ad influenzare positivamente l’umore dei consumatori – sottolineano gli esperti del GsK – sarebbe soprattutto la robustezza del mercato del lavoro: i tedeschi al momento non sentono minacciato il proprio posto, e non si trattengono nelle spese. Nei mesi scorsi questa propensione aveva determinato una tenuta delle calzature in pellee un progresso della pelletteria. In controtendenza la produzione interna: Thomas Amend, economista della banca Hsbc Trinkaus, ha dichiarato al quotidiano Faz che “gli industriali percepiscono chiaramente che le condizioni al contorno sono peggiorate. Questo si tradurrà prima o poi anche in un calo del clima dei consumi. Il suo attuale miglioramento non dovrebbe, a mio avviso, essere iperinterpretato”.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati