Inditex chiude a 26,1 miliardi l’anno fiscale “meno positivo della sua storia” e punta all’integrazione digitale assoluta

Inditex cresce, ma rallenta rispetto al passato, mettendo a segno il risultato “meno positivo” della sua storia. Nell’esercizio 2018/2019, chiuso lo scorso 31 gennaio, la catena spagnola di fast fashion ha registrato un fatturato di 26,15 miliardi di euro, con un aumento del 3,19%, lontano dall’8,69% e dall’11,54% registrati negli anni precedenti. L’utile netto è stato di 3,44 miliardi di euro, in crescita del 2,26%, rispetto al +6,68% nel 2017 e al + 9,81% nel 2016. Il gruppo (che controlla i marchi Zara, Pull&Bear, Massimo Dutti, Bershka, Oysho e Stradivarius) ha dichiarato di aver sofferto l’impatto dei tassi di cambio, senza il quale il suo profitto sarebbe aumentato del 12% e il suo fatturato del 7%. Inditex, che ha aveva 7.475 punti vendita alla fine del 2018, sta proseguendo nel piano di ristrutturazione della rete distributiva, in corso dal 2012, che porterà a molte chiusure e a punti vendita più grandi. “Smetterei di prestare attenzione al numero di negozi” ha detto Pablo Isla, presidente di Inditex, commentando così i risultati finanziari: “La nostra azienda ha compiuto uno sforzo di trasformazione molto importante e riteniamo di essere sulla strada giusta. Aspiriamo a diventare un’azienda completamente integrata, completamente digitale e totalmente sostenibile entro il 2020”. (mv)

Nell’immagine, interno di un centro logistico Inditex (foto tratta da inditex.com)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati