Retail UE, Kaufhof taglia 2.600 posti, Kurt Geiger decapita l’ufficio acquisti. C’è chi cresce: occhio a CCC

Partiamo da chi deve riorganizzarsi. La catena di grandi magazzini tedeschi Kaufhof ha previsto il licenziamento di 2.600 posti di lavoro a tempo pieno dopo la fusione con Karstadt. L’operazione di merger ha portato alla nascita di un colosso con 243 grandi magazzini in Germania, Belgio e Paesi Bassi, 32.000 dipendenti e un fatturato annuo di 5,4 miliardi di euro. Kaufhof, che è di proprietà della canadese Hudson’s Bay e della austriaca Signa Holding, ha giustificato questa decisione come una ristrutturazione per tagliare i costi a seguito delle deboli vendite natalizie. Tagli anche per il britannico Kurt Geiger. Drapers ha rivelato che sono stati eseguiti otto licenziamenti nel team di acquisto e merchandising e ritiene che ulteriori tagli verranno effettuati in altre divisioni all’interno del retailer britannico. Ma c’è pure chi punta a ingrandirsi. Sempre nel Regno Unito Pavers Shoes ha iniziato i lavori da 4 milioni di sterline per ampliare il proprio magazzino di ulteriori 4.400 metri quadrati. I lavori dovrebbero terminare all’inizio del 2020. Anche la polacca CCC mira ad ampliare il proprio business nell’Europa Occidentale. Dopo l’acquisizione della compagnia svizzera Karl Vögele e l’accordo con il gruppo tedesco HR (Reno), sta esplorando opportunità di sviluppo nel mercato austriaco. Sono filtrati rumors secondo cui la stessa CCC sarebbe interessata ai negozi Leder & Schuh. Werner Weber, ceo del retailer austriaco, che controlla le catene Humanic e Shoe4You, ha però smentito il quotidiano “Standard”, che aveva scritto come le trattative di compravendita fossero saltate in assenza dell’accordo sul valore della cessione. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati