Ossigeno russo per la calzatura fermana: nei primi tre mesi 2017 l’export rimbalza

La scarpa fermana riprende fiato in Russia. Secondo i dati provvisori relativi all’export del primo trimestre 2017 diffusi da ISTAT, i calzaturifici di Fermo e dintorni hanno venduto a Mosca il 27% in più su base annua, passando dagli oltre 228 milioni di euro del 2016 ai quasi 291 di quest’anno. Un balzo in avanti che permette alla Russia di riconquistare la posizione di primo mercato assoluto per la calzatura locale che, in totale, ha aumentato le sue esportazioni dell’1,67%. Bene la Svizzera (130 milioni di euro) per un aumento del 20% e la Corea del Sud con un balzo di poco inferiore al 37%. Buone notizie anche dalla Cina: +16,7%. Peccato per Hong Kong che perde l’11%. Male Olanda (-18%), Germania (-5,5%), Francia (-8%), Spagna (-5,5%). In calo anche gli Usa: -4,5%. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati