ICEC aderisce a ZDHC: il valore della certificazione italiana per la sostenibilità della pelle

“L’unico istituto di certificazione di portata mondiale specializzato nel settore della pelle”. È con questa definizione che ICEC, l’Istituto di Certificazione per la Qualità dell’Industria Conciaria, entra in ZDHC (Zero Discharge of Hazardous Chemicals), il progetto per la sostenibilità chimica dell’industria tessile e della calzatura sottoscritto da brand, enti e associazioni. La materia “è complessa”, commenta Frank Michel, direttore esecutivo di ZDHC, e richiede “un approccio olistico”, dove cioè i singoli attori della filiera moda non procedono in ordine sparso, ma uniscono forze e competenze in uno scopo comune: l’eliminazione delle sostanze chimiche pericolose dai processi produttivi. L’ingresso di ICEC nel progetto, dunque, è un riconoscimento al valore internazionale del suo lavoro. Insieme all’Istituto di Certificazione, entrano in ZDHC altre 5 realtà, che portano a 56 il numero totale dei partecipanti al progetto. A testimonianza della qualità dell’impegno della pelle italiana, lo scorso ottobre anche UNIC (Unione Nazionale Industria Conciaria) è stata accolta in ZDHC.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati