La conceria italiana e la sostenibilità: equazione (sempre più) vincente. UNIC aderisce a ZDHC

Il passo è di quelli che alzano l’asticella e dimostrano, una volta di più, che l’impegno della conceria italiana nell’affrontare e gestire a 360° il tema e l’esigenza della sostenibilità è ben più che concreto: è una scelta strategica e, per certi versi, culturale. UNIC, l’Unione Nazionale Industria Conciaria, infatti, è entrata ufficialmente in ZDHC (Zero Discharge of Hazardous), fondazione internazionale creata nel 2011 e impegnata nell’eliminazione delle sostanze chimiche pericolose dalla produzione tessile e dalla calzatura. Deadline della sua mission: 1° gennaio 2020. UNIC, in una nota, definisce la scelta “molto significativa per un’industria leader sia a livello europeo che mondiale, da sempre impegnata nell’attenta gestione della sicurezza del prodotto e della tutela ambientale”. Un impegno “documentato dal Rapporto di Sostenibilità del 2003, e che ha già raggiunto notevoli traguardi, riducendo del 40% l’utilizzo di solventi e depurando per oltre il 98% le proprie acque di scarico”. L’adesione a ZDHC, per UNIC, si configura quindi “come un’ulteriore testimonianza dell’impegno del settore verso il completo raggiungimento degli obiettivi della sostenibilità”. (lf)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati