Bulgari, gli accessori sono una pietra preziosa: valgono il 15% del fatturato. E con Serpenti Cabochon esplora il digitale

Forme levigate che ricordano quelle di una pietra, con ogni evidenza preziosa. Per Bulgari, marchio del gruppo LVMH noto per gioielli e oreficeria, gli accessori rimangono vicini al design del proprio core business. Per questo per la linea Serpenti Cabochon si preferiscono le lavorazioni che danno alla superficie degli accessori la morbidezza delle forme tipica dei monili. Una ricerca di stile che si unisce a quella per l’innovazione. Per la collezione, presentata dalla maison durante Milano Fashion Week, si mette in pratica la tecnologia Bulgari Touch, sistema QR Code che mette a disposizione del consumatore maggiori informazioni sulla storia del prodotto e che aiuta l’azienda a tutelare autenticità e tracciabilità dello stesso. Per la griffe le borse, oltretutto, non sono più un semplice accessorio, ma una parte sempre più interessante delle attività. Lo ha spiegato Mireia Lopez Montoya, managing director dell’Accessories Business Unit, a Pambianco: “Il 2018 è stato molto positivo anche per la divisione, che oggi genera circa il 15% del fatturato dell’azienda. Dal 2014 la crescita è stata solida e costante. Nel 2019 il fatturato dovrebbe triplicare rispetto a cinque anni fa”.

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati