Valextra, Bisonte e Orciani nel 2017 volano a doppia cifra: la pelletteria italiana mette il turbo

Nell’ordine: +70%, +30% e +28%. Sono le progressioni di crescita su base annua di tre brand della pelletteria made in Italy. Quando Aimpes ha pubblicato la nota congiunturale dell’accessorio italiano nel 2017, ha confermato quella che prima era solo un’impressione: la borsa tricolore vive una stagione felice. Le previsioni di bilancio di Valextra, Bisonte e Orciani confermano l’immagine di un anno felice. Cominciamo da Valextra, griffe controllata dal fondo inglese Neo Capital: il bilancio chiuderà con un’espansione del 70%, per un valore complessivo, stima il Sole 24 Ore, che dovrebbe attestarsi poco oltre i 40 milioni di euro. Gli affari vanno bene anche alla fiorentina Bisonte (partecipata dall’inglese Palamon Capital), il cui esercizio annuale è atteso alla soglia dei 26-27 milioni, con un sonoro +30% su base annua: la pelletteria rimane la quota maggioritaria del fatturato, ma crescono i proventi (per complessivo 40%) di calzature e arredo. Chiude il trittico Orciani, che nel 2017 punta al +28% (15 milioni): per continuare a crescere si scommette sull’export, con sviluppo della distribuzione in Spagna e Paesi Arabi.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati