Numero 11

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

Ripensamento e solidità
Il lusso non brilla, ma cresce, anche se più lentamente. Lvmh progetta nuovi investimenti produttivi in Italia.  Gucci ritrova smalto. Prada risveglia gli accessori. Previsioni rassicuranti. Pechino: conferma e novità.
Segnali di risveglio
Movimenti nell’abbigliamento. Dopo Lineapelle l’alto di gamma arricchisce le collezioni. Tanta pelle nello show business.
Equilibrio tedesco
Dopo anni di selezione, la scarpa di Berlino ha trovato la sua dimensione: pochi produttori, grandi importatori. Lieve crescita nel 2015. Meglio la pelletteria.
Vendite e leggerezza

In Europa volano le nuove immatricolazioni auto. Buone notizie dagli USA. Si aspetta la ripresa del mercato cinese. Bene premium e lusso. Ai conciatori una nuova richiesta: pelli meno pesanti.
Piccolo fenomeno
Il fenomeno del reshoring: realtà o leggenda? I fornitori (concerie, accessori, componenti): «c’è, ma limitato a prime linee e articoli a maggior valore aggiunto». Non di solo Vietnam…
2.640 all’ora
È il numero esorbitante dei sequestri italiani di articoli moda falsi. Borse e scarpe, soprattutto, che valgono il 70% di un fatturato perso di quasi 10 miliardi di euro.
Il problema è la politica europea
Sul 2016 della concia continentale pesano le incognite politiche. Serve una sterzata dalla UE. Fa paura l’ipotesi Brexit. Parola a Jonathan Muirhead, presidente di Scottish Leather Group e Cotance. Una stirpe nella concia.
La squadra del cuoio
Gioca in Lega Pro un club che porta fin nel nome la tradizione conciaria del suo territorio. Tuttocuoio di Ponte a Egola è passato in pochi anni dal dilettantismo alle sfide con squadre di grande tradizione. Nello staff Cristiano Lucarelli e Igor Protti.

LA SITUAZIONE DEI PREZZI IN ITALIA E NEL MONDO
Listini fermi o tendenti a sporadici ritocchi sul pesante. Meno lavoro sul toro belga, proposto con ribassi più sensibili rispetto alla vacca. Conferme tedesche. Mercato USA poco attivo. Macellazioni crescenti. Brasile stabile.

Osservatorio qualità
Divieto dal 1° aprile
India: 130 acri per la calzatura

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso