Numero 15

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

Il valzer degli azionisti
Nel lusso cambiano gli stilisti (lo scrivevamo nel numero 12-13/2016), ma anche le proprietà. Il 90% delle operazioni dei fondi di investimenti si concentrano qui. L’emiro del Qatar (in copertina) protagonista assoluto, ma non unico. Italia terra di conquista. L’opinione di Elisabetta Marafioti (Università Bocconi).
La solidità di Arzignano
“La crisi ha fatto pulizia”, dicono nel distretto veneto della concia. Bene l’export, giù la CIG. Soffre la scarpa medio-economica. Lusso accessibile ok, pelletteria stabile. Fatice l’imbottito. L’automotive? “A bomba…”. Il nodo della depurazione.
Orografia in pelle
Esposta a Santa Croce un’opera in pelle molto particolare. Per esaltare la memoria conciaria territoriale, ricrea in 3D la morfologia del comprensorio. Autore: Loris Cecchini (collaborano Conceria Superior e Renato Corti Pelletterie).
Nulla di eco, niente di pelle
L’uso spregiudicato e fuorviante del termine “ecopelle”  non perde intensità. Anzi… Armani ne abusa online e lo fa “pagare caro”. Zara vara la definizione “effetto pelle”. Il consumatore continua a farsi fregare. Sul web i marchi nascondono l’origine.
Tutti a Tokyo
Il lusso ringrazia il Giappone, ma alcuni brand locali vanno a picco. Colpa dei cinesi che preferiscono, per lo shopping, le metropoli nipponiche a Hong Kong. Cade il Tariff Quote?.
Io vado in Serbia
Belgrado continua ad attrarre investitori italiani. Dopo Gox e Top Divani, arrivano anche le scarpe di Tiesse, azienda trevigiana, che traslocherà a sabac la produzione finora realizzata in Romania: «Più qualità, meno costi».
Trampolino di lancio
Dalla biancheria intima all’alta moda, un percorso lungo 60 anni. Antonelli Firenze per il total look donna punta sulla pelle. Obiettivo: continuare a crescere e confermarsi nel lusso accessibile.
Massima allerta
Fase di “normalizzazione” per la pelletteria toscana? Il lavoro per i brand è calato, non tutti riescono a gestire marchi propri. Richiesta di volumi minori, tempistiche frenetiche. «Folle, in questo momento, non diversificare i clienti». Griffe in cerca di terzisti “agili”.
Danni politici
Negli USA divampano le polemiche per una legge sui diritti dei gay del North Carolina. Ne subisce le conseguenze, imprevedibilmente, il Market del mobile. Partiva con prospettive economiche positive, è al centro di una campagna di boicottaggio.

Il caso della settimana: New Balance contro Obama
La situazione in Europa e nel mondo

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso