Numero 35

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

Ritorno al passato
La frenesia dell’anticipo fieristico si è esaurita. A parte casi sporadici, tutte le rassegne ricollocano le proprie date (più o meno) come una volta. Chi lo fa per aderire al mercato. Chi per sopravvivere.
Il bluff di agosto
Incontrare i buyer in piena estate, il momento migliore per le grandi catene per fare ordini. Su questo assunto per anni le fiere della moda hanno anticipato le date. Ma l’ipotesi si è dimostrata sbagliata. L’opinione di Kirstin Deutelmoser, direttore GDS. MilanoUnica fa da sé.
Rischi del mestiere
Definire il calendario di una fiera è un affare complicato. Rimediare agli errori ancora di più. Il mercato non ha dato ragione all’anticipo delle date, ma valeva la pena provare. Secondo Francesca Golfetto (Bocconi) adesso attenzione alla concentrazione di settembre.
Dalla Turchia al mondo
Borse, scarpe, abbigliamento. Le collezioni Desa 1972 conquistano il fashion world e trovano spazio alla recente settimana milanese della moda. Mettendo la pelle in primo piano.
Il lusso è normale
Addio alla doppia cifra. Il futuro del mercato top di gamma è positivo, ma con progressione a +2/3%. Il cliente si fa più riflessivo: vuole l’esperienza. Il turista non viaggia più.
Attesa chimica
Ma anche fame di nuovi clienti. I fornitori di ausiliari alle prese con la necessità di aggredire un mercato che, in Italia, è stabile e all’estero preoccupa sul lato finanziario. Listini? Poche scosse, “ma il problema non sono i prezzi…”. Sostenibilità (ancora) tra marketing e mercato.
Santa Croce meets Africa
Nel 2015 erano quasi 1000 su 14.500 abitanti. Molti sono tornati a casa, portando con sé know how e voglia di continuare a lavorare nella pelle. Uno studio di Silvia Lami su tre villaggi del Senegal dove si parla toscano.
Dalla padella alla padella
In Bangladesh, il trasloco delle concerie a Savar rischia di trasformarsi nella “clonazione” del modello- Hazaribagh, il distretto conciario a maggior impatto ambientale al mondo. “Manca tutto”, dice una nostra fonte. Ma due opifici hanno già iniziato a inquinare.
La formazione del futuro
Incubatore di imprese e centro post-diploma. La provincia di Avellino cerca l’intesa con il distretto di Solofra per un polo d’eccellenza a Montoro. Appuntamento per il 2018. Il Politecnico è in ritardo.

Il caso della settimana: Il Dieselgate e le vendite
Niente Irlanda per JBS
E gli australiani si tengono stretto Kidman
Osservatorio Qualità

 

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso