Numero 36

0

SCOPRI
I CONTENUTI
DELL’ULTIMO
NUMERO

Abbonati per visualizzare la rivista completa!

Se sei già abbonato, esegui il login adesso

scarica la versione demo

visualizza la versione demo

Crescere, scalare
L’espansione del segmento automotive promette ulteriori margini di miglioramento. Le concerie italiane alzano il livello della sfida e si rafforzano nel panorama internazionale. Le frontiere: prezzo, innovazione e sostenibilità.
L’auto accelera
Il giro d’affari dei segmenti lusso e premium cresce. Mentre le case automobilistiche si godono fatturati positivi, i designer studiano nuove rifiniture in pelle. A tutto vantaggio dei supplier. Innovazione: chi si ferma è perduto.
Il futuro è a Oriente
Il baricentro del mercato globale dell’auto si sposta in asia. Crescono le immatricolazioni in Cina, dove si fanno concorrenza 130 brand, e in India. Usa riflessivi, meglio l’Europa.
Emergenza fiorentina
2016 annus horribilis per la pelle e la moda di Firenze. Crisi e “riorganizzazioni” coinvolgono Abc, Guess, Cavalli, Thebridge, Braccialini, Pucci. Calistri (Cna, Sapaf): “La ripartenza ci sarà, ma sotto forme diverse”. Chi torna e chi arriva.
La borsa del principato
Rue Des Fleurs è un brand con sede a Monaco, ma con DNA italiano. La pelle viene dal Veneto e la fondatrice, Giulia Miscali, da Genova: “Design pulito e prezzo accessibile per un prodotto durevole”.
Tolentino, 2016
Il 30 ottobre il Centro Italia è risvegliato da un terremoto che fa crollare case e monasteri. Già alle prese con la crisi, l’area pelle marchigiana fa i conti con i danni agli impianti e gli operai sfollati. Tra efficienza e solidarietà, c’è voglia di ripartire. Il precedente recente: Mirandola, 2012.
L’alluvione, 50 anni fa
L’Arno esonda e travolge Firenze. Sotto acqua e fango finiscono le locali manifatture della pelle, ma anche le concerie di Santa Croce. Immagini e testimonianze di un disastro che racconteremo anche nei prossimi numeri. Disastri anche in Veneto. Il ricordo di Siro Badon e Bernardo Finco. “E mentre prendiamo la penna abbiamo notizia…”: l’alluvione raccontata sulle nostre pagine dell’epoca.
I due volti di Delhi
PIL che cresce più veloce di quello cinese, 1,2 miliardi di abitanti pronti a diventare consumatori. Dietro lo sviluppo dell’India si nascondono tensioni sociali: come la protesta degli intoccabili, iniziata col pestaggio di 4 operai della concia.
Equilibrio alla francese
La Francia è prima in UE per patrimonio bovino e per macellazioni. Ma dal 2015 i consumi domestici di carne sono in calo, con riflessi sulla disponibilità di materia prima. Prezzi stabili e battaglia per il vitello.

Il caso della settimana: Hugo Boss e il lusso
Allarme in Argentina: giù il consumo di scarpe, giù il macello

 

 

 

 

 

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso