+5,5% per Clarks

Clarks resta un’azienda a trazione prevalentemente britannica. Lo testimonia il bilancio dell’anno fiscale 2013, chiuso lo scorso 31 gennaio. C&J Clark Limited ha realizzato un fatturato di 1,54 miliardi di sterline (1,89 miliardi di euro), in aumento del 5,5%, crescita identica a quella registrata nei profitti, 119,8 milioni (147 milioni di euro). L’azienda ha beneficiato delle vendite eccellenti nella stagione del back-to-school, periodo che ha contribuito al 40% delle vendite, nel Regno Unito e in Irlanda. L’anno scorso Clarks proprio in questi due mercati ha aperto 11 nuovi negozi e ne ha rinnovati 19. I numeri asiatici indicano ricavi per 125 milioni di sterline (+18,6%), ma l’azienda si dichiara soddisfatta del volume delle vendite, 4,25 milioni di paia, cifra che sfiora le quantità vendute complessivamente in Europa. Nel sud della Cina, Clarks nel 2013 ha aperto 36 negozi. Crescita inferiore ma fatturato elevato, 625,9 milioni di sterline, per il mercato nordamericano. Negli Usa (+6,4%) hanno inciso “gli sconti e un mercato estremamente competitivo”. Il ceo di Clarks (azienda posseduta all’84,1% dalla famiglia che la fondò nel 1825 nel Somerset), Melissa Potter, ha dichiarato che “l’anno passato ha mostrato significativi progressi nella strategia mirata a far divenire il nostro un brand globale”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati