Adidas perde quota nel trimestre ma confida nei Mondiali in Brasile

Adidas ha riportato un declino nei profitti del primo trimestre, addebitandoli agli effetti contrari di alcune valute e alla ristrutturazione del business del golf. L’utile operativo è sceso del 34% (204 milioni) e del 31% quello netto (303 milioni). Il tutto a fronte di un fatturato di 3,53 miliardi di euro (-6%) dovuto alla mancata progressione delle vendite. L’amministratore delegato, Herbert Hainer, ha spiegato ieri agli analisti che a gennaio-marzo il mercato americano è retrocesso del 24%, ma che quello europeo ha ottenuto un aumento del 10%. Il primo dato è dovuto alla difficoltà dei prodotti per il golf, che rappresentano la metà del fatturato statunitense, ma l’indirizzo è quello di rinfrescare la categoria con nuove collezioni. “Nella East Coast si spera che le condizioni climatiche aiutino” ha affermato, ricordando anche che soffre il wholesale, schiacciato da Nike: “Dobbiamo presentare alla grande distribuzione i prodotti innovativi, e non abbiamo saputo centrare i trend della moda nell’ultimo anno”. I numeri stanno per cambiare, perché l’azienda tedesca è il fornitore ufficiale del Mondiali in Brasile: “Il secondo sarà il trimestre del calcio e quindi il trimestre Adidas. Vedrete a fine mese, quando lanceremo la campagna pubblicitaria più significativa di sempre. Le nostre vendite nel calcio, salite del 27%, dimostrano la nostra supremazia in mercati come Stati Uniti, Europa occidentale e America Latina”. Il ceo ha confermato che Adidas sta esplorando acquirenti per il brand Rockport. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati