Ambasciatore italiano in visita alla Olip Bosnia

Olip d.o.o. nasce negli anni ’80 come costola bosniaca dell’omonimo calzaturificio di Verona. Oggi impiega direttamente più di 1200 persone e conta quasi 30 aziende di indotto nell’area di Travnik (a nord ovest di Sarajevo), che a loro volta assicurano altri mille posti di lavoro. Inoltre l’azienda ha da poco dato l’annuncio della creazione di un nuovo impianto che occuperà altre 200 persone non appena sarà in funzione. L’azienda di Travnik è stata visitata in questi giorni dall’ambasciatore d’Italia Ruggero Corrias, alla presenza di istituzioni locali, clienti e partner italiani dell’azienda. “I numeri parlano da soli”, ha sottolineato l’ambasciatore spiegando che “con 1200 impiegati, quasi 30 anni di presenza in Bosnia e la prossima apertura di un nuovo impianto, Olip è una storia di successo dell’investimento italiano. Questa azienda dimostra che la delocalizzazione può essere motore di sviluppo, per l’Italia e per la Bosnia Erzegovina. Coniugando qualità del prodotto, innovazione e tradizione manifatturiera con la responsabilità sociale ed il rispetto per l’ambiente – ha concluso – la Olip ha contribuito in questi anni alla promozione del made in Italy ed allo sviluppo dell’economia bosniaca”. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati