Aokang in crisi: meno produzione, più commercio

Di fronte al generale calo di vendite delle calzature vista la debolezza del mercato interno e di quello internazionale, oltre alla concorrenza in costante aumento e ai margini di guadagno in riduzione, il gigante cinese del settore Aokang sta pianificando di puntare maggiormente sulla vendita piuttosto che sulla produzione, migliorando il suo appeal verso il cliente con metodi alternativi come gli outlet e la vendita on line. Fondata nel 1988, la società vanta in Cina una catena di oltre 3 mila negozi monomarca e un utile 2012 di 3,4 miliardi di yuan (430 milioni di euro). Ogni anno i suoi designer progettano più di 3 mila nuovi modelli di calzature in pelle.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati