Brenta: chiusi 14 laboratori cinesi

Quattordici  laboratori calzaturieri e tessilidella Riviera del Brenta e del Cavarzerano gestiti da cinesi,  su trentaquattro controllati in questi giorni dalle Forze dell’Ordine, sono stati chiusi in quanto usufruivano di manodopera al nero con una percentuale superiore al 20% del personale presente. I titolari impiegavano esclusivamente connazionali cinesi. La vasta operazione di contrasto al lavoro sommerso dei Carabinieri della Compagnia di Chioggia (Ve), svolta in collaborazione con i Finanzieri delle Compagnie di Mirano e Chioggia e con gli Ispettori della Direzione Provinciale del Lavoro di Venezia e del Nucleo Carabinieri Ispettorato del Lavoro di Venezia, ha portato alla scoperta di numerose  irregolarità, riscontrate in metà (17) delle aziende visitate (34). Centossessantuno i lavoratori controllati, 41 quelli in nero, tre i clandestini. Cinque, alla fine, le persone denunciate in stato di libertà. Il totale delle sanzioni amministrative ammonta a 120 mila euro.  Sospese dall’attività imprenditoriale tre tomaifici di Pianiga (Ve), uno di Campagna Lupia (Ve), tre di Vigonovo (Ve), uno di Cavarzere (Ve) ed uno di Fossò (Ve).

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×