Calzatura: dal Messico richieste “etiche” al Wto

Ysmael Lopez Garcia, presidente della Camera della Calzatura di Guanajuato, ha chiesto che l’Organizzazione mondiale del commercio (Wto) intervenga sul sistema commerciale mondiale e stabilisca “regole etiche, affinché la concorrenza tra manifatturieri di diversi Paesi avvenga nel quadro della legalità. Parlo a nome di un’industria che produce un miliardo e mezzo di scarpe all’anno: Brasile, Cile, Ecuador, Messico, Perù e Uruguay mi hanno chiesto di intervenire perché il Wto eserciti un’azione perentoria che imponga ai suoi membri di aderire alle leggi. Data la globalizzazione, è necessario implementare un commercio equo”. Senza specificarlo, Garcia si è riferito all’invasione di scarpe cinesi che, nel corso di una recente intervista, ha definito “rampante e ingiusta. Non abbiamo motivo di essere maleducati coi cinesi, ma dobbiamo esprimere la verità in modo deciso”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati