Colombia in piazza contro le scarpe cinesi

Ventimila manifestanti hanno invaso le città colombiane di Bogotà, Calì, Medellin, Bucaramanga, Barranquilla e Cúcuta per protestare contro quella che il settore calzaturiero ritiene un’invasione di scarpe asiatiche. Ai cortei hanno partecipato imprenditori, dipendenti dei calzaturifici locali e semplici cittadini. Sono stati mostrati striscioni del tenore “Non comprate scarpe cinesi, sostenete le nostre”, e ancora “Colombiani, mettetevi nelle nostre scarpe”. Acicam, l’associazione colombiana delle concerie e dei calzaturifici, segnala che dal 2008 – data che segna l’inizio dell’apertura commerciale alle produzioni asiatiche – l’import è quadruplicato e nel primo trimestre del 2013 siamo a +60%. Il 70% della scarpa non colombiana è di manifattura cinese, venduta a prezzi cinque volte inferiori rispetto alla produzione domestica, già di per sé economica. Ma Acicam, oltre a segnalare che la situazione “è preoccupante” perché rischia di azzerare l’economia locale, non trascura l’aspetto etico-commerciale. Il 26% dell’import ha infatti un prezzo nominale di un dollaro a paio, che a giudizio dell’associazione mostra l’elevato livello di corruzione del personale di dogana che consente la sottofatturazione e il contrabbando. Il governo ha recentemente aumentato le tasse per l’importazione per un anno, ma il settore chiede che la misura divenga permanente. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati