Crocs cresce poco e taglia personale

I risultati di bilancio del secondo trimestre non sono soddisfacenti e Crocs, azienda americana specializzata nella produzione di ciabatte da spiaggia e per il tempo libero, corre ai ripari. Il fatturato aumenta del 3,6% (376,9 milioni di dollari), l’utile non soddisfa le aspettative degli azionisti. “La performance del secondo quarter – afferma il presidente Andrew Rees – dimostra da un lato il potenziale internazionale del nostro brand, dall’altro la necessità di cambiamenti per strategia, organizzazione e approccio di mercato”. I passaggi chiave sono quattro: razionalizzare il portfolio di prodotto e marketing, ridurre gli investimenti diretti in piccole aree di mercato, aumentare l’efficienza della struttura e chiudere dai 75 ai 100 negozi nel mondo. Da queste mosse, la società si aspetta un risparmio di 4 milioni di dollari a fine anno e di 10 milioni nel 2015. Crocs prevede di licenziare 183 dipendenti, di cui 70 operano attualmente nella sede di Niwot, nel Colorado. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati