Dai boscaioli ai paninari fino alla consacrazione: le Timberland Yellow Boot compiono 45 anni

0

Se negli anni ’80 avete aderito a quella moda casual-chic, in Italia ribattezzata “dei paninari”, è facile che ne abbiate posseduto un paio. Se pure così non fosse, per ragioni anagrafiche o di gusti, non è detto che non abbiate comunque avuto le Timberland Yellow Boot, perché al di là della ciclicità dei trend, non sono mai finite fuori dal giro: il modello imperversava e imperversa ancora nelle strade di tutto il mondo. E oggi che le Yellow Boot compiono 45 anni, Timberland le festeggia con una edizione speciale e celebrazioni negli store. Quando sono nate, avevano il nome commerciale di Timberland 6-inch boot. Era il 1973 e il suo creatore, Sidney Swartz, dal suo ufficio nel New Hampshire pensò agli scarponcini come a un modello di calzature da lavoro: suola scanalata in gomma, tomaia in pelle nabuk impermeabilizzata, plantare in pelle e collo imbottito, sembravano buone per boscaioli, ad esempio. Quello che Swartz non immaginava è che le Yellow Boot sarebbero piaciute a un pubblico più ampio dei lavoratori del legno e che, finite sugli scaffali di department store come Saks Fifth Avenue e Bloomingdale’s, sarebbero diventate un fenomeno globale. Da Notorious BIG a Gigi Hadid passando da Jay-Z, non si contano le star fotografate in pubblico con le Yellow Boot. Una storia che non ha intenzione di finire.

Share.

Comments are closed.

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso