Dalla Cina: Stella International e il suo modo di gestire il 2020

Dalla Cina: Stella International e il suo modo di gestire il 2020

Salvaguardare la stabilità operativa. Intercettare nuovi segmenti. Sono questi i due pilastri su cui, dalla Cina,  Stella International intende ricostruire il proprio 2020. E andare oltre l’emergenza CRV. Il gruppo calzaturiero con sede a Hong Kong ha chiuso il 2019 con alti e bassi. Ricavi in calo, ma utili in crescita. Tanti gli ostacoli per i prossimi 12 mesi. Come tanta è la volontà di superarli.

Il 2020 di Stella International

“Nel 2019 abbiamo fissato significativi progressi nel garantire il nostro successo a lungo termine e la nostra redditività. Abbiamo dato priorità all’espansione dei margini sulla crescita del volume delle spedizioni – spiega Chi Lo-Jen, amministratore delegato del gruppo -. Ciò si riflette nel solido miglioramento del risultato operativo e profitto netto. In vista del 2020, la nostra priorità principale sarà salvaguardare la nostra stabilità operativa pur continuando a ottimizzare i nostri margini, ove possibile”. Naturalmente molto dipenderà dagli sviluppi dell’epidemia da Covid-19. In questi mesi, spiega l’azienda, si concluderà la migrazione della produzione dalla Cina continentale al sud-est asiatico. Parallelamente, le aziende esterne al ramo quotato del gruppo stanno lavorando allo sviluppo di accessori in pelle, che potrebbero rientrare nel corpo principale della società durante il primo semestre di quest’anno.

 

 

L’impatto del virus

Il gruppo di Hong Kong non ha strutture produttive nella provincia di Hubei e solo una piccola quota dei suoi lavoratori proviene da quell’area. Il 70% della produzione è situata al di fuori della Cina continentale. Il restante 30% ha registrato “un ritardo nella ripresa dell’attività per rispettare le linee guida e i requisiti introdotti dal governo”. Chiuse per un mese anche le attività produttive nelle Filippine. Ora, però, rende noto la società, la produzione sta un po’ alla volta tornando a regime.

Il 2019 a luci e ombre

Stella International ha chiuso il 2019 con volumi delle spedizioni in contrazione dell’1,3% a 59,4 milioni di paia. Il prezzo medio è rimasto stabile: 25,8 dollari. Questo nonostante il gruppo abbia cambiato la linea di prodotti e cercato di coinvolgere nuove fasce di clienti. Come spiega la società asiatica in una nota, “la domanda per i nostri prodotti sportivi ha continuato a crescere in modo sostenuto, con un aumento degli ordini dal nostro cliente principale che si rifornisce dal nuovo stabilimento in Vietnam“. “Stiamo anche aumentando la base dei nostri clienti in questo segmento puntando alla fascia premium – continua Stella International -, mentre i marchi della moda di lusso stanno cercando di entrare nel mercato dello sport”.

Immagine tratta da stella.com.hk

Leggi anche:

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati