Decine di piccole palme su 200 paia di sneaker Puma in pelle bianca. Le disegna Tomas Maier (Bottega Veneta)

Potremmo dire “da Kering a Kering”. Puma, brand di proprietà della multinazionale francese, ha trovato in Tomas Maier, responsabile dello stile di Bottega Veneta (a sua volta nel portafoglio marchi del gruppo parigino), il referente creativo della sua nuova, esclusiva collezione. Maier ha creato una sneaker sulla cui tomaia in pelle bianca sono impresse decine di piccole palme, un’immagine consueta delle sue creazioni. Prodotta in 200 esemplari (prezzo: 150 dollari), dal nome Roma 1968, celebrano la vittoria degli Azzurri ai campionati europei di calcio di quell’anno. Lo stilista tedesco ha inserito il proprio nome sulla linguetta della caviglia e sulla soletta. Adam Petrick, direttore globale del marchio Puma, spiega che “a distanza sembra una normale scarpa Puma, ma quando la osservi da vicino emerge una significativa serie di dettagli. Per questa capsule cercavamo una collaborazione interna al gruppo e Maier ha mostrato il suo interesse. Non eravamo pronti a lavorare con Bottega, ma il suo brand è più accessibile”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati