Domegan (ex Bikkembergs): “Abbiamo venduto per colpa del fisco e del suo clima intimidatorio”

Un conflitto enorme tra Stato (nello specifico: l’Agenzia delle Entrate) e imprese. Così Deirdre Margaret Domegan, manager canadese di quello che era prima il gruppo Bikkembergs, costretto a vendere a Zeis Excelsa di Montegranaro (Fm) definisce quel che accaduto al suo brand a causa dei guai col fisco. “Quello che è successo non è stato giusto – ha commentato la manager in un’intervista rilasciata a corriere.it – Sento il bisogno di giustizia. Eravamo un gruppo straniero che aveva deciso di produrre qui perché il made in Italy ha un valore enorme nel mondo. Abbiamo perso tutto — noi e chi lavorava per noi — per una considerazione sbagliata del fisco. La nostra vicenda può accadere ad altri. È necessario che cambi il rapporto tra Stato e contribuenti: non c’è più un contratto sociale ma, al contrario, una mancanza di fiducia da entrambi i lati. Anche il modo di lavorare della Guardia di Finanza è quasi militare, si crea subito un clima intimidatorio. Non vedo come lo Stato italiano abbia interesse a massacrare le aziende”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati