Frode da 6 milioni scoperta a Civitanova Marche

Una frode fiscale da oltre 6 milioni di euro è stata scoperta a Civitanova Marche dalla Guardia di Finanza di Macerata. Il meccanismo si basava sullo schema cosiddetto della triangolazione con acquisti di merce in Cina, un successivo passaggio a San Marino per far sì che il prezzo d’acquisto della merce subisse un ricarico sproporzionato e infine il passaggio in Italia, a Civitanova. La frode ammonterebbe ad oltre 6 milioni di euro: 5,1 milioni di imposte sui redditi ed 1,1 milione di Iva. Denunciato, dalla Guardia di Finanza di Macerata il licenziatario italiano (la cui identità non è rivelata) di un noto marchio nazionale di abbigliamento e calzature. Intanto la procura di Macerata ha disposto il sequestro preventivo in tutto il Paese dei beni dell’indagato fino ad una somma corrispondente all’imposta evasa. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati