I fuochi d’artificio di Giano: +20% nel 2018, il consolidamento nel 2019, la possibilità di acquisire un brand

Giano, 2018 anno boom: +20%. Il calzaturificio di Torre San Patrizio (Fermo) guidato da Enrico Paniccià, specializzato nella gestione dei marchi, vorrebbe regalarsi un brand di proprietà da inserire nel suo portafoglio che ora comprende La Martina (uomo e donna), Harmont & Blaine (uomo) ed è partner di Woolrich attraverso la joint venture Woolrich Footwear (uomo e donna) nella quale Paniccià riveste il ruolo di ceo.

L’anno scorso Giano ha registrato un fatturato di 13,5 milioni di euro (quota export 40%) mentre 2,7 milioni di euro sono i ricavi di Woolrich Footwear. “Un risultato positivo, quello di Giano, dovuto al buon andamento dei marchi (La Martina è quello che ha performato meglio, ndr) e al fatto che è stato il primo anno in cui la partnership con Woolrich ha inciso per l’intero esercizio” ci spiega Enrico Paniccià che è più prudente per il 2019: “Mi aspetto un anno complesso. Il nostro obiettivo è quello di consolidarci. Cresceremo ma credo in misura minore rispetto al 2018”.

Paniccià ha gli occhi aperti per poter cogliere le opportunità che il mercato potrebbe offrire: che siano nuove licenze, nuove joint venture sullo stile di Woolrich Footwear o nuovi brand da acquisire. “In quest’ultimo caso, sarebbe un altro marchio in portafoglio e lo gestiremo come tale, con lo stesso approccio degli altri, senza favoritismi né penalizzazioni” conferma Paniccià. Sempre nel 2019 proseguiranno gli investimenti in Woolrich Footwear: “Crediamo di avere grandi margini di miglioramento nella categoria degli accessori e stiamo investendo per migliorarci sotto tutti gli aspetti” commenta l’imprenditore marchigiano alla guida di un’azienda che ridistribuisce parte dei suoi utili sul territorio, a livello sociale e culturale. La crescita di Giano e Woolrich Footwear ha come motore il forte impegno nel digitale: “L’incremento delle vendite online presuppone e consente una efficace profilazione della clientela e quindi suggerisce le azioni di marketing da intraprendere” chiosa Paniccià che ha in Never Give Up il suo mantra. (mv)

 

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati