La scarpa italiana è la più cara d’Europa. Il dibattito dei calzaturieri: “La qualità va pagata”; “No, i costi maggiori incidono per il 30%”

La scarpa italiana è la più cara d’Europa: pregio o difetto? In base al prezzo medio delle esportazioni calzaturiere 2017 l’Italia vende all’estero a circa 42 euro, rispetto ad un prezzo medio europeo di 18,5 euro al paio. La Spagna, stando a quanto riporta Modaes.es, vende a 16,43 euro e dietro all’Italia c’è la Finlandia con 38,18 euro. Poi troviamo Svezia con 29,61 euro, Francia con 29,24 euro, Portogallo con 23,70 euro, Croazia con 22,97 euro e Danimarca con 22,44 euro. “I problemi sono a monte, non è che dipenda da noi italiani abbassare o alzare i prezzi medi rispetto alla concorrenza europea. È che non siamo comunque competitivi, in quanto a parità di prodotto con aziende spagnole o portoghesi, mediamente costiamo il 30% in più e tutto ciò è dovuto ai costi di manodopera nettamente più alti e al conseguente cuneo fiscale” analizza Arturo Venanzi, calzaturificio Franceschetti. Le aziende calzaturiere made in Italy puntano sulla qualità e di conseguenza vorrebbero poter esportare a prezzi ancora più alti, come sostiene Sara Galli del calzaturificio Brunate: “Per l’esclusività della calzatura made in Italy dovremmo puntare ad alzare il prezzo. È vero che corriamo il rischio di ridurre la produzione, ma è pur vero che noi italiani facciamo le scarpe più belle del mondo! Che costano…”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati