La vendita di Cinti, step by step: 6 milioni il valore, 9 maggio la scadenza, reshoring e (anche) pelle italiana

Il gruppo Cinti, oggi TB Holding, titolare dei marchi Cinti e Blocco31, è in vendita e vale almeno 6 milioni di euro. Sono già arrivate alcune proposte di acquisto, tutte italiane, per rilevare l’azienda in amministrazione straordinaria da un anno e mezzo. Le offerte possono essere presentate fino al 9 maggio. Il pacchetto in vendita comprende i due marchi, il magazzino e la rete di 39 punti vendita fra gestione diretta (34) e franchising (5). Il gruppo dà lavoro a 180 dipendenti e ha un fatturato atteso di 21 milioni di euro. Determinante è stato l’operato del Commissario Straordinario Fulvio Cociani che, per ristrutturare il bilancio, ha puntato anche sul miglioramento della qualità dei prodotti attraverso il reshoring e l’utilizzo di pelle italiana. “Sono fiducioso nel buon esito della cessione” afferma Cociani in una nota diffusa dall’azienda. “Dagli incontri avuti con i soggetti interessati a comprare, sono emersi piani industriali concreti e tutti volti al mantenimento del posizionamento dei marchi, oltre che delle posizioni commerciali e dei livelli occupazionali. Non si è persa la speranza di ricevere un’offerta dell’ultimo minuto da parte di un gruppo di dipendenti” aggiunge in conclusione Cociani. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati