L’internazionalizzazione di Lumberjack

L’obiettivo per il marchio contraddistinto dalla foglia d’acero è quello di crescere all’estero. Il punto di partenza è che l’azienda veronese, fondata dalla famiglia Antonini e controllata dal 2012 dal gruppo turco Ziylan, vende solo il 25% della propria produzione fuori dall’Italia. Per questo motivo l’ultima collezione ha debuttato nei Paesi dell’est, dalla Russia ai Balcani, mentre il marchio è cresciuto in Libia, Tunisia, Egitto e Algeria, con un fatturato che ha toccato il +20% nel 2013. “Stimiamo di chiudere a giugno quest’esercizio – ha spiegato il direttore generale Massimiliano Rossi – con un giro d’affari di 32 milioni di euro, in crescita di quasi un 50%, rispetto all’esercizio precedente”. Il 90% delle scarpe Lumberjack vengono vendute in negozi multimarca, mentre i monomarca sono 25, con l’ultimo punto vendita (il secondo aperto all’estero dopo Barcellona), inaugurato in Slovenia. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati