Lorbac: “cassa” in arrivo, trattative ferme

La mobilità, per i lavoratori di Lorbac, potrebbe essere sostituita con la cassa integrazione straordinaria. L’apertura è giunta ieri, al termine di un incontro che si è tenuto a Pisa tra i rappresentanti legali della famiglia Bachini, titolare dell’azienda in crisi, e quelli dei lavoratori. Questa soluzione garantirebbe ai lavoratori del più grande calzaturificio della provincia di Pisa (circa cento addetti tra diretti e indotto) di mantenere aperto il rapporto contrattuale, in vista di un’eventuale cessione d’azienda, che tuttavia appare difficile, date le dimensioni dell’impresa e il costo della produzione made in Italy. Alla cassa integrazione contribuirebbero Provincia, Regione e alcune banche locali, anticipando risorse ai lavoratori. (ag)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati