Manas, parla Bagnobianchi: “Scelte dolorose ma necessarie”

“Una scelta dolorosa ma necessaria vista la condizione attuale dell’azienda, guardando la situazione dei mercati e il posizionamento del prezzo del prodotto”. Luciano Bagnobianchi, amministratore delegato della Manas di Montecosaro (Mc), commenta così la richiesta di cassa integrazione ordinaria presentata dalle due aziende di proprietà della famiglia Sagripanti: una ventina di dipendenti della Manas più altre unità della Alfiere. “Dobbiamo innanzitutto assicurare la continuità aziendale per dare un futuro alla Manas e per fare questo bisogna avere in testa un modello di business e un piano industriale” continua Bagnobianchi. “Ci piange il cuore prendere determinate decisioni, ma siamo costretti dalla situazione congiunturale”. Oltre alle note difficoltà del mercato interno, che per Manas vuol dire circa il 30% delle vendite, l’azienda della famiglia Sagripanti sta affrontando le difficoltà dal prodotto di fascia media, così la delocalizzazione produttiva potrebbe essere una delle soluzioni al vaglio del management aziendale. Non lo conferma né lo smentisce lo stesso Bagnobianchi: “Stiamo valutando diverse ipotesi” commenta l’ad di Manas. “Sicuramente dobbiamo rafforzarci su vari mercati, accelerando il processo di internazionalizzazione. Siamo di fronte ad una riorganizzazione aziendale che, una volta intrapresa, non deve avere esitazioni o incertezze. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati