Marche: giro di vite contro tomaifici non in regola

Controlli a raffica a Fermo e dintorni nei tomaifici gestiti da stranieri. Il bilancio delle ispezioni effettuate congiuntamente da Carabinieri, Ispettorato del lavoro, personale Asur e Polizia Locale è di 50.000 euro di sanzioni. A Porto Sant’Elpidio sono stati tre i laboratori controllati (nella foto), tutti gestiti da cinesi ai quali sono state rilevate diverse irregolarità: mancata consegna dei contratti di lavoro del personale, impiego di dipendenti minorenni, orari di lavoro superiori a quelli previsti dalla contrattazione nazionale, violazioni urbanistiche e non corretto smaltimento dei rifiuti. I vigili urbani stanno approfondendo le modalità di cessione dei fabbricati ispezionati, per verificare la correttezza delle operazioni. A tutti e tre gli opifici è stata disposta la chiusura temporanea. A Grottazzolina è stato controllato un altro opificio gestito da una residente cinese. Le forze dell’ordine hanno rilevato l’inosservanza dei requisiti richiesti dalla normativa sulla sicurezza dei lavoratori. A Sant’Elpidio a Mare è finito nei guai un albanese, proprietario di un suolificio che è stato accusato di lavoro nero, dato che alcune persone trovate all’interno della piccola azienda manifatturiera non risultavano in regola. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati