Marche, sempre più export verso la Russia

È sempre la Russiail volano delle calzature marchigiane. Anche quest’anno, con una crisi evidente e profonda, l’export verso Mosca e dintorni registra numeri molto lusinghieri. Infatti, nei primi sei mesi del 2012, le esportazioni in valore sono aumentate del 15,10% in Russia e del 22,3% in Kazakistan rispetto allo stesso periodo del 2011. Sono risultati che ripagano gli sforzi compiuti dagli imprenditori calzaturieri marchigiani, i primi a credere su questo mercato e impegnati settimanalmente a fare la spola tra le loro aziende e Mosca. I clienti sono consumatori ma anche retailer che hanno sempre dimostrato il proprio apprezzamento per le calzature marchigiane riunite in collezioni create appositamente per i mercati dell’area. Non solo Mosca come dieci anni fa ma anche le aree più periferiche, nonché le vicine repubbliche come Ucraina, Kazakistan, Bielorussia e Paesi centroasiatici. Soddisfatto anche Ronny Bigionidella Rdb Montegranaro: “I risultati ottenuti dimostrano quanto l’eccellenza della produzione italiana di calzature riesca a tener testa ai venti di crisi che agitano da molto tempo i nostri mercati, riuscendo ad offrire un prodotto sempre all’altezza delle aspettative degli operatori del settore e contribuendo significativamente alla definizione dei trend più in voga in tutto il mondo”. Il prossimo appuntamento ufficiale con il mercato russo è fissato per il prossimo anno, quando dal 21 al 24 gennaio si svolgerà all’Expocentr di Mosca la fiera Consumexpo.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati