Mezzo miliardo di sterline nel 2020? “Si può fare”, pensano da Jimmy Choo, che riacquista i franchising in Medio Oriente e Corea

Jimmy Choo ha un obiettivo: arrivare a 500 milioni di sterline (585,4 milioni di euro) entro il 2020. Come raggiungerlo? Puntando sul retail “di un certo livello”. La griffe di proprietà del gestore patrimoniale Jab Holding, infatti, ha riacquistato la sua rete di negozi in franchising situati in Medio Oriente e Corea del Sud, siglando partnership con distributori locali. La multinazionale coreana Hyundai e il gruppo di Dubai Al Tayer. Il duplice accordo dovrebbe portare all’apertura (tanto per cominciare) di 18 negozi. Quella di Jimmy Choo non è una scelta isolata. Numerosi sono i marchi del lusso recentemente passati da una distribuzione in franchising a un sistema di joint venture con soci locali, allo scopo di controllare meglio i magazzini e la propria immagine, ma anche di aumentare i margini controllando direttamente la distribuzione. Secondo il ceo Pierre Denis, “l’azienda è sulla buona strada per generare una crescita a cambi costanti nell’ordine del 5%. Abbiamo goduto di un ottimo inizio di 2017, con una crescita su base comparabile solida, e sono ottimista per quanto riguarda il resto dell’anno”. (mv)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati