Monsummano: chiude il calzaturificio Parlanti

Dopo la chiusura dello scorso aprile del calzaturificio Meg, che ha portato al licenziamento di 65 dipendenti, un’altra attività storica del calzaturiero toscano di Monsummano ha comunicato che cesserà l’attività. Si tratta del calzaturificio che porta il nome di famiglia, fondato da Mario Parlanti nel 1960, la cui direzione ha comunicato la chiusura dello stabilimento e il conseguente licenziamento dei 38 operai impiegati. La chiusura, secondo il comunicato dell’azienda, è una scelta obbligata: “A causa dell’enorme sofferenza finanziaria determinata dal calo degli acquisti per i prodotti a marco proprio, dalla politica tariffaria esercitata dalla griffe Prada che non ha consentito all’azienda di avere la necessaria remunerazione per la sopravvivenza aziendale, oltre all’insolvenza di numerosi clienti e alle banche che hanno chiuso da tempo i rubinetti per erogare il credito”. (mc)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati