Di nicchia, con la pelle nel DNA: dalla Sardegna a Palermo, le storie di Is Crapitas e Borsa del Pellegrino

Qualità e tinta senape sono i due elementi caratterizzanti su cui sta puntando William Piseddu per le proprie calzature. L’imprenditore sardo “non gira troppo attorno al concetto e le ha chiamate Is Crapitas (a sinistra) perché in lingua sarda significa le scarpe“. Si tratta di una calzatura artigianale e su misura, in pelle di vitello, rifinita a mano, spiega Piseddu, 39 anni, trasferitosi a Milano. “Il senape è il colore del frumento in completa maturazione, indice di prosperità” – sottolinea. Un marchio, Is Crapitas, in forte sviluppo sul mercato interno, ma soprattutto internazionale, con clienti particolarmente interessati in Belgio, Francia, Germania, Olanda, Regno Unito ma anche Australia, Stati Uniti e in Oriente. Pelle nel DNA anche in Sicilia, dove il brand Borsa del Pellegrino (a destra), lanciato nel 2007, è diventato una solida realtà di nicchia. Creato da due giovani imprenditori, Francesco Pellegrino e Laura D’Orso, il brand nasce dalla loro comune “per la creazione di accessori e borse in pelle fatti a mano”. I loro modelli piacciono, il marchio cresce e adesso, mentre Francesco prosegue nella lavorazione all’interno del laboratorio, Laura sceglie la materia prima in Toscana.

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati