Nike: ok le vendite, ma gli ordini rallentano e il titolo scivola

Nike ha chiuso il bilancio del secondo trimestre fiscale (30 novembre) con un fatturato calzaturiero pari a 4,27 miliardi di dollari (+18,1%) e di 2,29 miliardi (+11%) nell’abbigliamento. Le cifre superano le attese di Wall Street, ma lasciano tranquillo il management, poiché il +11% di ordinativi risulta essere inferiore a quanto previsto. Risultato: ribasso della valutazione del titolo. La multinazionale Usa, infatti, la scorsa settimana ha perso il 2,8% in Borsa, nonostante i profitti (655 milioni di dollari) siano aumentati del 22,7%. Don Blair, direttore finanziario, ha descritto il trend Nike come quello di “un brand che sta abituando il consumatore ad acquistare un prodotto premium sia nell’abbigliamento che nella scarpa”. (pt)

CONTENUTI PREMIUM

Scegli uno dei nostri piani di abbonamento

Vuoi ricevere la nostra newsletter?
iscriviti adesso
×
Sei un nuovo utente? Abbonati/Registrati